Benvenuti ai genitori...e ai bambini!

Questo blog nasce dal desiderio di condividere "lievemente" le gioie, le speranze, le sorprese, le favole e i dubbi che... rallegrano e stimolano le scelte quotidiane dei genitori.

venerdì 7 dicembre 2012

Quattro buoni motivi per accogliere un figlio.


 
Loro sono i primi del lunghissimo corteo di Budapest,  giovani ritrovatisi da tutto il mondo per dichiarare,  con grande entusiasmo e determinazione,  la loro volontà di operare per la cooperazione,  per fare migliore il  mondo...
Le notizie di oggi sono di quelle che ci fanno sospirare mentre ci chiediamo dove se ne  va il buon senso e la buona volontà di tanta gente ai posti di comando...
Mentre problemi serissimi ci assillano, l'organizzazione "Save the Children" mette seriamente in guardia: i figli sono ormai un bene raro per l'Italia.
Interi paesi svaniti nel nulla, a leggere i  numeri delle statistiche. Non è novità, ma le cose si fanno sempre più serie e, in proiezione, nel 2030 saranno insostenibili.
Lasciamo ai sociologi l'esame del fenomeno per nulla nuovo, che compromette il futuro e al quale non viene data saggia e adeguata attenzione nè dal mondo politico, nè da quello  economico. 
Perdendo, da scellerati, tempo prezioso.
Però... Intanto molti, come sempre, si danno da fare spesso eroicamente.
Provo a condividere qualche buon motivo per convincere che un figlio non rappresenta solo la garanzia economica della futura società.
E' molto molto di più.
Un figlio ti fa toccare con mano il limite della solitudine.
Un figlio comunque e dovunque  è lì per sussurrarti  speranza e fiducia.
Ti risparmia il gelo della vita.
Un bambino ti costringe al rispetto per te stesso.
...E alla coerenza ferrea!
E arriva quando tu, in fondo, ne avevi più bisogno. Anche se spesso lo capisci dopo.
Lui completa la tua umanità.
Intanto lui ti apre un mondo incredibile, che avevi dimenticato.
Un figlio ha sempre le domande giuste quando sente che tu hai bisogno di farti chiarezza.
Per lui, lo sai! sei sempre la cosa più importante...

Avrai qualcuno a cui raccontare la tua saggezza.
Sogni che sia la tua compagnia e il tuo sostegno quando sarai vecchio.

Un bambino ti chiede l'essenziale della vita e ti riequilibria.
Questo figlio è il compagno alla ricerca delle coordinate dell'anima.
Un figlio è il punto d'incontro con l'Infinito.
E sconfigge la morte.
Pubblicato da Annamaria
Foto da Let's Bridge - Incontro mondiale dei giovani - settembre, Budapest 2012
 
 
 
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento