Benvenuti ai genitori...e ai bambini!

Questo blog nasce dal desiderio di condividere "lievemente" le gioie, le speranze, le sorprese, le favole e i dubbi che... rallegrano e stimolano le scelte quotidiane dei genitori.

domenica 18 luglio 2010

ESTATE IN SPICCIOLI 2



Casello

di Annamaria Gatti

fonte : Città Nuova

Illustrazione: dal film animazione di W. Disney :CARS
I veicoli si incolonnano qualche chilometro prima del casello di uscita dall’autostrada: il mare è lì a pochi chilometri, invitante e già ammiccante con il suo luccichio . I giovani dalle loro auto festaiole si richiamano allegramente: in vacanza ci si può permettere anche di aspettare, di accodarsi senza protestare…
I caselli sono tanti e ciascuno offre le diverse forme di pagamento: cassa, cassa con resto, viacard, telepass…
Tredici caselli allineati, in cui distribuirsi, individuando per tempo la propria scelta.
Capita a qualcuno di sbagliare, proprio come quel pomeriggio.
Un’auto resta bloccata e l’autista, una signora imbarazzata, si guarda attorno.
Da qualche auto più dietro qualcuno l’aggredisce con urla e proteste. Ma non ci sono scappatoie. La donna scende e si scusa con i giovani dell’auto dietro di lei: ha imbroccato l’uscita con la viacard… che non possiede.
Un ragazzo scende e la tranquillizza. Poi si avvicina alle auto che seguono e spiega la difficoltà, calma i più intransigenti, trova la voglia di una battuta di spirito sullo spirito di cavalleria, parla anche tedesco! Alla fine si appella sincero e con una dolcezza inaspettata alla carità evangelica. Qualcuno sbarra gli occhi e cerca di capire, ma i conti non tornano: quel tipo atletico, con il barbone rosso e i lunghi capelli raccolti sulla nuca, sta testimoniando qualcosa, qualcosa che sfugge agli occhi assorti da giorni di stress cittadino febbrile e confuso. Ma dal finestrino posteriore si sporge un ragazzino di una decina d’anni e, colto al volo l’invito del simpatico giovane gigante ordina : “Tutt’indietro, alè e senza borbottare: la zia ha sbagliato casello!”
Scrosciata di risate, fra un rombo e l’altro e tutti collaborano.

Nessun commento:

Posta un commento