Benvenuti ai genitori...e ai bambini!

Questo blog nasce dal desiderio di condividere "lievemente" le gioie, le speranze, le sorprese, le favole e i dubbi che... rallegrano e stimolano le scelte quotidiane dei genitori.

mercoledì 17 maggio 2017

Storie (convincenti o meno) anche per scegliere che donne diventare. Una sfida consapevole!

Libro Storie della buonanotte per bambine ribelli. 100 vite di donne straordinarie. Ediz. a colori Francesca Cavallo , Elena Favilli 0



Elena Favilli Francesca Cavallo

Traduzione  Loredana Baldinucci
STORIE DELLA BUONANOTTE PER BAMBINE RIBELLI
100 VITE DI DONNE STRAORDINARIE
Illustratrici varie da tutto il mondo
Mondadori

Recensione di Annamaria Gatti
FONTE: Città Nuova, maggio 2017
(e integrazione)

Mondadori  ha cavalcato un cavallo vincente. Un libro con questa storia è vincente di suo e io sono orgogliosa di averlo avuto fra le mani. Nato per le bambine è utile strumento di conoscenza e riflessione per tutti i maschi. 

Scritto  da donne in gamba,  narra di donne eccellenti, o almeno così pare, con una storia di quelle che rasentano la fantascienza, ma che oggi trovano sempre più realizzazione, in un mondo diverso da sempre. Infatti il libro nasce negli States da una crowdfunding colossale  da più di un milione di dollari. In Italia sarebbe un miraggio per ora.

Le autrici italiane vivono in California,  Elena è una   imprenditrice e giornalista, Francesca è regista e scrittrice. Hanno fondato un laboratorio di innovazione dei media per  l’infanzia, e meritano, oltre ad alcuni premi, la nostra curiosità e l’approfondimento. E la mia simpatia.

...Poi scorro i nomi delle donne presentate e parecchie sono mie conoscenze che apprezzo e molto, altre sono conoscenze che non reputo proprio eccellenti… Perdonate, sono stata una ragazza ribelle e molte esperienze maturate negli anni della contestazione giovanile sessantottina mi sono rimaste appiccicate addosso e mi rendono alquanto esigente...

“C’era una volta una bambina di nome….”
 Cominciano così  quasi tutte le presentazioni e di ciascuna donna o giovanissima, proveniente dai più disparati mondi ed interessi, la piratessa o la regina,  la scienziata o la first lady americana, la giudice o l’artista, la motociclista o l’aviatrice, la spia o la reporter, la sportiva o l’educatrice…
Solo un dubbio: che ci fa in questa raccolta di 100 vite straordinarie la storia del bambino, che oggi ha circa 10 anni,  che si sente bambina e che ottiene il vestitino e le scarpette rosa? 

Lascio ai lettori che vorranno avvicinarsi a un libro  scoprire i  nomi delle prescelte. E di annotarsi tutti quelli che mancano, donne che  hanno decisamente segnato la società e l’evoluzione del ruolo della donna per il loro coraggio e la loro determinazione. La mia critica, se così può essere definita, è ovvia: il mondo femminile ha collezionato così tante figure immense che era ovvio che un libro non potesse che essere riduttivo, forse il primo di una raccolta ragionata di donne di grandezza umana e spirituale, molto vicini alla quotidianità, a volerle cercare con il fiuto giornalistico.

I ritratti  sono frutto ben riuscito e  corale di molte illustratrici, le citazioni per ogni donna presentata sono perle da raccogliere e che regalerei in una collana a tutte le bambine, ribelli anzichenò, perché trovino la forza in se stesse di fare  scelte libere da condizionamenti e imposizioni più o meno culturali, spesso tragiche.

Nessun commento:

Posta un commento