Benvenuti ai genitori...e ai bambini!

Questo blog nasce dal desiderio di condividere "lievemente" le gioie, le speranze, le sorprese, le favole e i dubbi che... rallegrano e stimolano le scelte quotidiane dei genitori.

domenica 27 gennaio 2013

Saranno grandi

 A scuola.
Parliamo di memoria e di guerre. Troppe.
Visi attoniti o eccitati, sorridenti o rabbuiati. Occhi dubbiosi e intimiditi, cuori da costruire, animi da sostenere. L'infanzia è anche questo.
Momento felice?
Non so, certo nel ricordo, a confronto poi delle pene successive, che scandiscono lo scorrere dell'esitenza. Una bella fatica, comunque.
Ma averli in questi giorni tutti addosso quegli occhi bambini in attesa di risposte e di chiarezza, di un barlume di luce in quel buio che la guerra passata e presente riporta e prepotentemente spazza via l'attesa, la sorpresa, il desiderio!
Perchè?
Dimmi che la favola triste finirà bene e potremo tirare un sospiro di sollievo, che nessuna mamma perderà il proprio figlio e nessun papà sarà costretto a separarsi dalla sua famiglia!
Non sarà sempre così, non lo è stato e non lo è.
E questa massa di visi riportano ad altri visi che riemergono grevi di monito da libri, giornali... sono gli stessi tratti, forse non lo stesso taglio di capelli, ma le stesse espressioni, occhi lucenti colorati di futuro, come 70 anni fa.
Formare giovani decisi a scegliere la pace.
Questo il compito dell'educatore, ovunque sia e ovunque vada.
Quale privilegio poter educare a valori di provata fedeltà all'umanità!
O seguiamo la strada faticosamente preparata, a costo di tante vite, o non ha senso star a scuola, nei gruppi sportivi, nelle esperienze educative più varie.
"Non si può non educare" ricordiamolo anche quando facciamo la cosa più semplice, ma soprattutto quando trattiamo con l'uomo  che è davanti a noi.
Ricordiamolo con forza e tenacia a chi cerca il voto alle prossime elezioni.
pubblicato da Annamaria
foto storica Istituto Melzi

Nessun commento:

Posta un commento