Benvenuti ai genitori...e ai bambini!

Questo blog nasce dal desiderio di condividere "lievemente" le gioie, le speranze, le sorprese, le favole e i dubbi che... rallegrano e stimolano le scelte quotidiane dei genitori.

giovedì 10 gennaio 2013

Non si può non educare... a ringraziare!




- Non si può non educare.
- Beh, però ricorre spesso questo assunto in psicopedagogia: si capisce, qualsiasi cosa tu faccia o dica, educhi nel bene o nel male, i tuoi figli, gli alunni, insomma... i bambini intorno a te.
E quindi? Con tutti i problemi immensi di questi tempi, con le guerre in cui migliaia di bambini perdono la vita, cosa vuoi dire?    ...Che dobbiamo insegnare a dire grazie?
- Non è così automatico.
- Cosa?
- Sentire ringraziare. Non accade spesso, anche fra i giovani, purtroppo.
- Potrebbe sembrare una ovvietà di questi tempi!
- Però non è così scontato. Cosa costa un grazie (e un sorriso)?
- Niente.
- Ma le conseguenze sono notevolmente piacevoli.
- Convengono?
- Convengono.
- A chi?
- A tutti.
- A quelli che lo ascoltano, certo!.
- Anche  a quelli che lo dicono.
- ?
- Fior di ricerche sul campo lo dimostrano.
- Beh, lo supponevo già. Immagino siano studi  americani.
- Già.
- Però la fame le guerre, la crisi, l'ingiustizia...
- Vero, ma da qualche parte adesso, oggi, quando ritorni a scuola, bisogna pur incominciare...per costruire.
- Diciamo ancora che comincia sempre da noi!
- Credo di sì.
- Dalle piccole cose.
- Già, perchè loro ci osservano e imparano sempre, nel bene o nel male.
- Chi? I bambini?
- I bambini.

Pubblicato da annamaria
ill. di Walter Kostner

 

Nessun commento:

Posta un commento