Benvenuti ai genitori...e ai bambini!

Questo blog nasce dal desiderio di condividere "lievemente" le gioie, le speranze, le sorprese, le favole e i dubbi che... rallegrano e stimolano le scelte quotidiane dei genitori.

domenica 20 dicembre 2015

Natale favola.





Se la cicala sventatella e le formiche operosissime si fossero trovate nei pressi di Betlemme, forse le cose sarebbero andate all'incirca così ... Così mi piace pensare che si riscattino tutti, nel presepe di Gesù.
IL NATALE DELLA CICALA E DELLA FORMICA
di Annamaria Gatti
Fonte: Città Nuova
La formichina Gilda aveva lavorato tutta l’estate e ora nel suo formicaio, nell’angolo di una grotta, assaporava il calduccio emanato  dal bue che ruminava presso la mangiatoia.




“Sono  fortunata” pensava, “non come la cicala Lilla, che ha solo cantato e non avrà niente da mangiare”.


In quel momento qualcuno entrò nella grotta con un asinello e in fretta sistemava della paglia sul terreno.  Gilda pensò: “Ora vado a riposare, quei due  non sono un pericolo per il  formicaio!” Ma aveva appena voltato le zampe, che sentì un pianto bambino.

“Che succede stanotte? La donna ha dato alla luce un Bambino!”

Quando  le altre formiche accorsero, una luce si diffuse nella grotta e le cose che accaddero dopo lasciarono… senza antenne tutti gli insetti.

“Qui deve essere accaduto qualcosa di straordinario!” si dicevano.

Gilda guardava il Bimbo fra le braccia della Mamma e sentiva i suoi occhietti scuri su di sé.

TOC, TOC, TOC! Chi bussava alla porta del formicaio?

“Sono la cicala Lilla, ho freddo e fame.”

“Proprio tu. E cosa hai fatto tutta  l’estate?” chiese Gilda.

“Ho cantato”.

“Hai cantato? Allora continua a cantare!” E chiuse malamente la porta.

Poi si voltò, incrociò lo sguardo del Bambino: era sorridente e guardava ancora proprio lei.

Allora le tremarono tutte le sei zampette, tornò alla porta e chiamò:

“Lilla, Lilla! Scaldati e  mangia qualcosa!”

Lilla  entrò e sospirò un debole grazie.

“Rimettiti in sesto, c’è del lavoro da fare, cara Lilla! Portiamo del cibo a quei poveretti. Tu  potresti anche cantare  per loro…”

Lilla abbracciò la formica, facendola ruzzolare. Gilda così riuscì a nascondere la sua commozione.

Quando i pastori  entrarono nella grotta, si inginocchiarono accanto a Gesù e sentirono  il concerto della cicala Lilla, che cantava una ninna nanna per il Re del mondo. Poi, stupiti, si accorsero che il Bimbo indicava qualcosa con la manina: era il corteo delle mille formichine che portavano semini e briciole ai santi genitori di Gesù.
Foto dal film "The Nativity story"



Nessun commento:

Posta un commento