Benvenuti ai genitori...e ai bambini!

Questo blog nasce dal desiderio di condividere "lievemente" le gioie, le speranze, le sorprese, le favole e i dubbi che... rallegrano e stimolano le scelte quotidiane dei genitori.

mercoledì 19 ottobre 2011

Genitori "assistenti di volo"...






DAL 5° CONGRESSO NAZIONALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI PEDIATRI
I figli sono nostri ma non ci appartengono; ci sono dati, da custodire, da venerare, da contemplare, sapendo che su di loro c’è un progetto e un destino grande di felicità. È nostro dovere non solo facilitarne il “volo”, ma assisterlo, sempre!

Così, in un mondo in cui tutto è valutato in base all’esito, forse serve imparare a prendere un po’ di distanza, a fare un passo indietro, a osservare con rispetto, a non afferrare, con una mano che ghermisce, la genitorialità. Ciò, nella consapevolezza che il progetto della vita non è nostro giacché il cammino di ciascuno è nel cuore del Mistero.

Noi per i figli siamo “Assistenti di volo” chiamati a riaffermare, istante dopo istante, che sono fatti della stessa sostanza dei sogni! Questo il Tema centrale del V° Congresso Nazionale FIMP che ha affrontato il dibattito partendo dalla considerazione che l’adulto dimostra di non avere ancora preso coscienza fino in fondo delle qualità e del valore presenti nel bambino, troppo spesso, e comunemente, ritenuto un essere passivourare e crescere come persone. , bisognoso di attenzione e di cure. Evidentemente, non si è ancora compreso che i figli, quando arrivano, sono un dono della vita, che viene a portare ai genitori ciò di cui hanno bisogno per poter mat Dal figlio il genitore può attingere la vitalità, la gioia, la coerenza e la trasparenza, sempre che questa non sia stata precocemente menomata.

Assistenti di volo vuol essere più che un semplice momento di confronto, il tentativo di indicare un modello educativo aggiornato, che tiene conto degli studi condotti in questi anni nell’ambito della pediatria, della psicologia, dell’educazione prenatale e anche della generatività, in quanto parte dal presupposto che i genitori possono dare il meglio di sé fin dal concepimento, essendo questo il primo e più importante imprinting per il nuovo essere.

Dal sito della FIMP
pubblicato da Annamaria Gatti
gatti54@yahoo.it
foto fonte:
principasticcio.wordpress.com

Nessun commento:

Posta un commento