Benvenuti ai genitori...e ai bambini!

Questo blog nasce dal desiderio di condividere "lievemente" le gioie, le speranze, le sorprese, le favole e i dubbi che... rallegrano e stimolano le scelte quotidiane dei genitori.

lunedì 23 agosto 2010

CHE TIPO DI EDUCATORE SEI? 6


PERDONARE!


Chi non ha mai fatto l'esperienza del perdono, cioè dell'essere perdonati?
Sono certa che sia stato il momento più "educativo" vissuto, sia che sia stata scusata la classica sottrazione della marmellata, sia il perdono di tradimenti o di comportamenti altamente offensivi.
Un bambino perdonato è un bambino conquistato.
Conquistato alla sfera della fiducia, dell'autostima, della empatia, rafforzato nella correzione di comportamenti inadeguati e nocivi, se il perdono affonda le sue radici nella verità, nella coerenza e nella costanza. E nel dialogo.
E i bambini, che vedono sempre al di là delle cose, sentono quando possono fidarsi.

Chiara Lubich ci ricorda la parabola del figliol prodigo, così "trasversale" nell'esperienza umana, universale, che non è possibile non riferire anche al mondo avvincente dell'educazione dei bambini.
UNO SOLO E’ IL MAESTRO"Gesù mostra nella stupenda parabola del figliol prodigo come è la misericordia del Padre, e quindi anche la sua, verso coloro che ritornano al bene, che si pentono. I genitori devono comportarsi con i figli come Dio si comporta con noi. La misericordia del padre e della madre in una famiglia deve arrivare a saper veramente dimenticare, al "tutto copre" (l Cor. 13,7) della carità di Dio. I reiterati interventi, che ricordano un passato negativo, non sono nella linea di Gesù. Possiamo quindi comprendere perché non siano accettati.

UNO SOLO E’ IL MAESTRO

Gesù usa anche il dialogo, alternando domande e risposte, fa uso di sentenze e, con gli scribi e i farisei, discute. Fra genitori e figli, siano essi piccoli o grandi, il colloquio non deve mai interrompersi; deve essere sempre aperto, sereno, costruttivo come fra amici."

Pubblicato da Annamaria Gatti
gatti54@yahoo.it
foto fonte: Città Nuova

Nessun commento:

Posta un commento