Benvenuti ai genitori...e ai bambini!

Questo blog nasce dal desiderio di condividere "lievemente" le gioie, le speranze, le sorprese, le favole e i dubbi che... rallegrano e stimolano le scelte quotidiane dei genitori.

sabato 13 marzo 2010

E TU CHE TIPO DI EDUCATORE SEI? 1.


Genitore ottimista: conviene?

Un misto di soddisfazione, timore, ansia, dubbio, sicurezza, delusione...alberga nei cuori dei genitori che si guardano dentro e fuori...

Spesso lo fanno in due, talvolta ci si trova soli a fare il punto della situazione educativa familiare.

I più fortunati hanno alla spalle la collaborazione di insegnanti ed educatori meravigliosi, e ce ne sono tanti!, altri hanno anche qualche nonno o nonna saggiamente presente che facilita le cose...anzichè complicarle.

Altri sono soletti, ma ben attrezzati, quanto a desiderio di farcela, alcuni ancora possono condividere con altri genitori il cammino.

Quello che li accomuna è la capacità di “vedere il bicchiere mezzo pieno” anzichè il bicchiere mezzo vuoto: insomma la chiave vincente spesso è quella dose di ottimismo.

Esso non si identifica però con la superficialità o con le connotazioni vagamente “americaneggianti” del termine. I risultati della ricerca, che ci conferma l'utilità dell'atteggiamento ottimistico, ci è pervenuta proprio dal continente americano: educatori e genitori positivi e fiduciosi ottengono i migliori risultati nei loro rapporti educativi con i bambini o con i loro allievi!

E' come se i bambini, coscienti dell'attenzione di cui sono oggetto, ricevessero una dose di positività, di fiducia, capace di potenziare e sviluppare le loro abilità, facendo leva sulla loro autostima. E' come se fossero investiti della consapevolezza che non sono “nostri”, ma liberamente accolti e seguiti con l'amore di chi non possiede, ma ha veramente a cuore tutto di loro.

Un buona piattaforma su cui costruire il rapporto con i futuri adolescenti!

E, proprio alla vigilia del ricordo di Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari, ci viene incontro un passo del suo intervento al Congresso Famiglia- Educazione nel 1987 “Uno solo è il maestro”:

...Le parole dei genitori devono sempre incoraggiare, essere cariche di speranza,

positive, devono manifestare tutta la loro certezza nella ripresa dei propri figli.

Gesù lascia libertà e responsabilità di decisione, come fa quando incontra il giovane ricco (cf. Mt. 19,16 ss). Non si devono mai imporre le proprie idee, ma offrirle con amore, come espressione d'amore. I figli sono prima di tutto figli di Dio e non nostri. Non vanno trattati quindi come proprio possesso, ma come persone a noi affidate.”

pubblicato da Annamaria

gatti54@yahoo.it

Nessun commento:

Posta un commento